Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |

 
  Festival “verso Libero” a Fondi sabato 1 e domenica 2 ottobre  
 

Fondi 01 ottobre 2016

Festival “verso Libero” a Fondi sabato 1 e domenica 2 ottobre

Le ‘radici’ sono il tema della III edizione: nel complesso di San Domenico versi, pittura, teatro e perfoming art. In anteprima nazionale un’opera teatrale inedita di de Libero.

Uno degli argomenti più dibattuti degli ultimi anni è quello, all’interno del drammatico scontro di civiltà, della nostra identità e, dunque, delle nostre radici.

Affondiamo le nostre radici in una storia millenaria e al tempo stesso esse riaffiorano nel presente come bussola, stella da seguire durante il viaggio. Libero de Libero, nella citazione scelta come fil rouge degli eventi proposti nella III edizione del Festival poetico “verso Libero”, scriveva: “Viviamo stretti come albero a radice”.

Lo scriveva negli Anni Cinquanta, anni in cui l’Italia si stava trasformando, radicalmente appunto. Eppure il miracolo della poesia è sempre questo: rendere universale un sentire personale e fare immortale un pensiero che ha una sua collocazione temporale, ma che rimane valido per moltissimo tempo.

 

Verso libero 2016

Il verso di de Libero preso a prestito da “Creatura celeste” si collega intimamente al testo poetico “Viaggio alla nuova città” di Rodolfo Di Biasio, Premio di poesia “Solstizio” alla carriera lo scorso anno, in questa edizione protagonista della performance che aprirà al chiostro di San Domenico di Fondi alle 20.30 la serata del 1° ottobre del Festival poetico “verso Libero”: stanno lavorando a questo progetto il regista Antonio Fasolo, gli attori Daniele Campanari e Serina Stamegna, la pittrice-performer Stefania Romagna e il musicista Antonio Zitarelli.

A seguire lo stesso Rodolfo Di Biasio passerà il testimone del Premio di poesia “Solstizio” alla carriera a Lino Angiuli, il poeta-ulivo, una delle voce più forti della poesia italiana contemporanea in questo suo essere terragno e radicato, un radicale innovatore di origini pugliesi.

Chiuderà la serata del primo ottobre un omaggio ad Antonio Parisi, improvvisamente scomparso un anno fa, autore del “Canzoniere fondano” che ha immortalato gli usi e costumi di una vivace porzione d’Italia come quella fondana.

Un momento fondamentale del Festival “verso Libero” sarà quello di apertura alle 18 di sabato 1° ottobre nella Sala Lizzani del complesso di San Domenico. Verrà presentato in anteprima assoluta il testo inedito del “Don Giovanni (o il burlatore di se stesso”, opera teatrale di Libero de Libero che l’associazione culturale a lui dedicata ha trascritto interamente e intende presentare al pubblico in una lettura di alcuni passi.

Interverranno in merito anche Lorenzo Cantatore, curatore del diario “Borrador” in cui ci sono riferimenti al lavoro dongiovannesco, e Marcello Carlino, professore emerito di Letteratura Italiana alla “Sapienza” di Roma che terrà una breve presentazione dell’opera inedita.

Il Festival “verso Libero” continuerà anche domenica 2 ottobre con una visita al neonato Museo Ebraico della Giudea alle ore 11 insieme all’associazione “Haviu et Hayom” composta da giovani ebrei che leggeranno e distribuiranno poesie scritte nelle lingue dell’ebraismo.

Il progetto proposto da questi ragazzi si chiama “Babele in rima” ed è stato messo in campo per la prima volta a Roma in occasione della scorsa Giornata Europea sulla cultura ebraica.

Appuntamento il pomeriggio alle 18.30 al chiostro di San Domenico di Fondi con la poesia e l’arpa di Francesco Benozzo, docente dell’Università di Bologna e performer che proporrà un reading-concerto dal titolo “Le radici della poesia”, un viaggio dentro la storia del racconto in versi, da Omero a Gilgamesh ai giorni nostri.

A seguire un altro momento importante del Festival con la consegna del Premio di poesia “Solstizio” per opera prima alla presenza dei finalisti e dei vincitori (Lorenzo Babini, Pietro Federico e Luca Lanfredi) e di Davide Rondoni e Claudio Damiani, giurati e poeti di grande fama, insieme a Clery Celeste, vincitrice del riconoscimento lo scorso anno ex-aequo con Gabriele Gabbia.

Ciascuno di loro leggerà propri versi, ma anche un testo di de Libero, per contribuire alla riscoperta di questo autore lungo tutta la penisola.

Il Festival si chiuderà con una performance tra poesia e pittura con Alessandra Romagna ed Elvio Ceci, autori di un libro a quattro mani dal titolo “Pareidolia – vedere ciò che non c’è”. Per l’occasione si esibiranno live anche i Surgical Beat Bros.