Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |

 
  Corso mosaico secondo la scuola di Marc Ivan Rupnik a Fondi. Iscrizioni entro domenica 25 settembre  
 

Fondi 18 settembre 2016

Corso mosaico secondo la scuola di Marc Ivan Rupnik a Fondi. Iscrizioni entro domenica 25 settembre

Corso/laboratorio di mosaico indrizzato a giovani dai 15 anni in su e ad adulti di qualsiasi età al Centro Culturale Il Cortile dell'Aquinate Via San Domenico a Fondi.

Il corso prevede l'apprendimento della tecnica base del mosaico secondo la scuola di Marc Ivan Rupnik, di cui il docente Gabriele Casale è stato collaboratore per diversi anni, e la realizzazione di un mosaico personalizzato da portare a casa. Si può scegliere tra due fasce orari: 9-12 oppure 17-20. Le iscrizioni al corso scadono il 25 settembre.

Per agevolare chi avesse intenzione di partecipare al corso nella fascia pomeridiana ma è impossibilitato ad arrivare per le ore 17 il docente è disposto a una certa flessibilità con arrivi fino alle ore 18, e fine alle 21 circa.

Per informazioni: Centro Culturale Il Cortile dell’Aquinate OdV - Via San Domenico, 8 - 04022 Fondi (LT), tel. 0771-901662 - eMail: ilcortile.fondi@gmail.com - www.ilcortiledellaquinate.altervista.org

 

Marko Ivan Rupnik (Salloga d'Idria, 28 novembre 1954) è un artista, teologo e presbitero sloveno, appartenente ai Gesuiti.

Artista e mosaicista cattolico, insieme all'Atelier dell’arte spirituale del Centro Aletti di cui è direttore, ha realizzato opere famose in tutt'Europa come i mosaici della Cappella "Redemptoris Mater" in Vaticano, quelli delle basiliche di Fatima e di San Giovanni Rotondo, quelli sulla facciata del Santuario di Lourdes, quello sul presbiterio della Parrocchia Maria SS. Immacolata in Qualiano (NA).

Tra le opere minori, diversi cicli musivi in talune chiese parrocchiali: nel Santuario di Scaldaferro dedicato alla Beata Vergine Maria, Salute degli infermi, a Vicenza, nella nuova chiesa del Santuario di Chiampo a Vicenza, nella parrocchiale di San Pasquale a Bari, nella chiesa dei Ss. Giovanni e Giacomo a Milano sul tema della Trasfigurazione di Gesù, nello splendido panorama sullo Stretto del Monastero della Visitazione di Ortì sul tema del Sacro Cuore di Gesù, nella Cappella della Casa Incontri Cristiani dei Padri Dehoniani a Capiago, nella Cappellina del Punto Giovane a Senigallia e nella parrocchiale del Corpus Domini in Bologna.

Nel 1973 entra nella Compagnia di Gesù. Dopo aver studiato filosofia a Lubiana, nel 1977 si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Roma che conclude nel 1981 con una tesi dal titolo "Luigi Montanarini e il problema dell'interpretazione". Seguono gli studi di teologia presso l'Università Gregoriana a Roma. Qui si specializza in missiologia, con una licenza su "Vassilij Kandinskij come approccio a una lettura del significato teologico dell'arte moderna alla luce della teologia russa". Nel 1985 diventa sacerdote. Per alcuni anni, dal 1987 al 1991, vive a Gorizia presso il Centro “Stella Matutina” dei gesuiti, dove lavora soprattutto tra i giovani. Nel 1991 consegue il dottorato alla Facoltà di Missiologia della Gregoriana con una tesi guidata da Tomáš Špidlík su “Il significato teologico missionario dell'arte nella saggistica di Vjaceslav Ivanovic Ivanov”.

Dal settembre 1991 risiede e opera a Roma presso il Pontificio Istituto Orientale – Centro Aletti di cui è direttore. Insegna alla Pontificia Università Gregoriana ed al Pontificio Istituto Liturgico Sant'Anselmo. Dal 1995 papa Giovanni Paolo II lo chiama a diventare Direttore dell'Atelier dell'arte spirituale presso il Centro Aletti. L'Atelier è un ambiente in cui l'arte e la fede si incontrano nella creazione artistica stessa. Qui un gruppo di artisti cristiani di diverse Chiese, vivendo e lavorando insieme, approfondisce al livello teorico e pratico il rapporto tra arte e luogo liturgico, attingendo alla memoria della tradizione iconografica delle Chiese dell'Oriente e dell'Occidente, perché solo così, “a pieni polmoni”, si possa conoscere e testimoniare Cristo sempre più integralmente.

Dal 1999 è consultore del Pontificio Consiglio per la Cultura. Nel 1999 ha concluso con l'Atelier dell'arte del Centro Aletti il rinnovo a mosaico della Cappella Redemptoris Mater affidatogli da Giovanni Paolo II.

Nel febbraio 2000 ha ricevuto il premio “France Prešeren”, il più alto riconoscimento per la cultura della Repubblica Slovena. Nel 2002 è insignito dell'onorificenza “Segno d'onore della libertà della Repubblica Slovena”, conferitagli dal Presidente della Repubblica. Nel 2003 ha ricevuto il premio internazionale “Beato Angelico” per l'Europa.

Oltre all'attività di artista e di teologo si dedica da sempre anche a quella più specificamente pastorale, attraverso conferenze e la guida di corsi ed esercizi spirituali. È autore di numerosi libri di teologia e spiritualità, molti dei quali pubblicati dalla casa editrice Lipa.