Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |
 
 

Terza giornata della XIII edizione del FONDIfilmFESTIVAL

 
 

Fondi 24 settembre 2014

Terza giornata della XIII edizione del FONDIfilmFESTIVAL

Nuove proiezioni e incontri oggi mercoledì 24 settembre, terza giornata della XIII edizione del FONDIfilmFESTIVAL – organizzato dall’Associazione Giuseppe De Santis – che fino a Venerdì prossimo si svolgerà nella nuova Sala di proiezione intitolata Carlo Lizzani.

Due sono le proposte inserite nella rassegna retrospettiva di Mario Martone.
Alle ore 17.00 sarà proposto “La salita”, episodio del film collettivo “I Vesuviani” (1997), composto da cinque capitoli – firmati, oltre che da Martone, da Pappi Corsicato, Antonietta de Lillo, Antonio Capuano e Stefano Incerti – uniti fra loro dall’ambientazione – Napoli e provincia – e dall’atmosfera onirica. L’episodio di Martone, di dichiarata matrice pasoliniana, è ambientato sull’impervio crinale del Vesuvio, dove il Sindaco di Napoli arranca sulla salita del monte. Durante il tragitto, accompagnato per un tratto da un corvo, loquace ed ironico interlocutore, egli incontra diversi personaggi, simboli e testimonianze di un mondo trasformato e deludente.

foto L'odore del sangue“L’odore del sangue” (2004), trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Goffredo Parise, è il film che sarà proiettato alle 17.30. Un cinquantenne – Michele Placido – che convive con una giovane compagna è ossessionato dal tradimento della moglie – Fanny Ardant – che si concede a un ragazzo molto più giovane di lei e, in un crescendo autodistruttivo, ai suoi numerosi amici e alle loro perversioni. Dopo averla trascurata per molto tempo, l’uomo è di nuovo attratto e interessato a sua moglie… Il film è vietato ai minori di 18 anni.

Ospiti della serata saranno Elena Ganelli e Laura Pesino, che alle ore 21.00 presenteranno “Happy Goodyear” (2014), vincitore del Premio come Miglior documentario italiano al RIFF - Rome Independent Film Festival 2014. Il film svela i gravi retroscena della multinazionale di pneumatici Goodyear. Tra gli anni ’60 e ’70 la società apre uno stabilimento a Cisterna di Latina, città che fino ad allora aveva vissuto di agricoltura e piccolo artigianato. Anziché portare benessere e lavoro a tutta la comunità, la Goodyear si rivela una fabbrica di morte, una delle tante sparse per l’Italia. Più di 300 operai della società sono morti di cancro ai polmoni e le loro famiglie aspettano ancora giustizia e verità.

Elena Ganelli è giornalista professionista da oltre 15 anni. Ha lavorato come caposervizio presso la redazione del quotidiano “Latina Oggi” occupandosi prevalentemente di cronaca, giudiziaria e politica. Ha collaborato con alcune radio e TV e con alcuni quotidiani on line nazionali. Attualmente collabora con la testata “Libera Informazione”.

Laura Pesino è giornalista pubblicista. Ha lavorato come redattrice in alcuni quotidiani occupandosi prevalentemente di cronaca, giudiziaria e sindacale. Ha collaborato con “Il Messaggero” di Latina, con emittenti radiofoniche e con testate on line. Dal 2007 collabora con l’agenzia “Ansa”.

Affermano le autrici: «Abbiamo scelto di raccontare questo caso che entrambe avevamo seguito nelle sue diverse fasi, dalle prime denunce fino alla conclusione del processo, nella convinzione che la morte di centinaia di lavoratori non potesse restare confinata in una storia di provincia da dimenticare. Quanto accaduto all’interno della multinazionale della gomma Goodyear restituisce l’immagine di una politica industriale esasperata, che al progresso e all’apparente benessere economico ha troppo spesso sacrificato la salute degli operai e dei territori. Questa è una vicenda ancora drammaticamente attuale, perché oggi, tredici anni dopo la chiusura dello stabilimento, gli ex operai continuano ad ammalarsi e a morire accomunati da un destino che sembra dolorosamente segnato».