Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |
 
 

Stefano Zappalà: "Finalmente abbiamo dato certezza agli operatori dei campeggi"

 
 

Fondi 19 luglio 2011

 

TURISMO LAZIO: CONSIGLIO APPROVA LEGGE SUI CAMPEGGI
Stefano Zappalà: "Finalmente abbiamo dato certezza agli operatori dei campeggi"

Il Consiglio regionale la proposta di legge n. 176 che riguarda la Disciplina delle strutture turistiche ricettive all'aria aperta di modifica alla legge regionale 6 agosto 2007, n.13 sull'organizzazione del sistema turistico laziale.

Nata dall'esigenza di dare una soluzione alle problematiche evidenziate da amministrazioni locali e associazioni di categoria in ordine all'interpretazione e applicazione della normativa vigente, la nuova legge di iniziativa della Giunta ed in particolare dell’assessore al Turismo e marketing del Made in Lazio, Stefano Zappalà, definisce ulteriormente le strutture all'aria aperta e le tipologie di manufatti che è possibile realizzare e prevede una semplificazione delle procedure.

Riguardo agli aspetti più propriamente urbanistici, viene stabilito che l'installazione e il rimessaggio dei mezzi mobili di pernottamento e dei relativi preingressi e cucinotti, anche collocati permanentemente al suolo, purché ottemperino a determinate condizioni strutturali, non costituiscono attività rilevante ai fini urbanistici, edilizi e paesaggistici. Per quanto riguarda l'esistente, la cui ricognizione dal provvedimento viene affidata ai Comuni assieme alla verifica della rispondenza alle norme urbanistiche, i complessi autorizzati potranno mantenere la loro destinazione d'uso e come tali saranno inseriti negli strumenti urbanistici in corso di adozione o nelle loro varianti. Invece, per le strutture ricettive all'aria aperta realizzate in territori vincolati, e per i quali sono state già rilasciate autorizzazioni all'apertura e all'esercizio, i Comuni dovranno individuarne la delocalizzazione.

''Finalmente abbiamo dato certezza agli operatori dei campeggi di tutta la Regione, andando ad eliminare normative farraginose e di difficile interpretazione''. E' quanto dichiara l'assessore regionale al Turismo e made in Lazio, Stefano Zappalà.

''Questa nuova legge, di iniziativa della Giunta e approvata definitivamente dal Consiglio regionale - aggiunge Zappalà - è tutt'altro che una sanatoria: è una normativa che dà sicurezza e possibilità di prospettiva agli operatori del settore e ai turisti che scelgono il Lazio come meta delle loro vacanze. La precedente normativa, infatti, aveva prodotto ostacoli allo sviluppo del settore, creando problemi alle presenze turistiche nel Lazio e con ripercussioni pesanti anche sulla nostra competitività rispetto alle altre regioni italiane. Da oggi si volta pagina''.