Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |
 
 

Padre Massimiliano Scarlato è il nuovo parroco di san Francesco d’Assisi a Fondi

 
 

Fondi 04 novembre 2010


La celebrazione e l’atto ufficiale, si sono svolti l’1 novembre, presieduti dall'Arcivescovo di Gaeta Mons. Fabio Bernardo D'Onorio

“Padre Massimiliano ricevi le chiavi della Parrocchia di San Francesco d’Assisi: sia essa il luogo per eccellenza del culto del Signore, della devozione alla Madre di Dio, Maria Santissima, e della crescita della spiritualità cristiana del popolo di Dio. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”.

Con questo atto, l’Arcivescovo di Gaeta, Mons. Fabio Bernardo D’Onorio, ha dato inizio alla solenne celebrazione del “possesso canonico” del nuovo parroco, avvenuto lunedì 1 novembre scorso nella chiesa eretta a parrocchia precisamente 42 anni fa, quando, l’allora parroco Padre Giacinto Caronia, ricevette nella solennità di Ognissanti dall’Arcivescovo Mons. Lorenzo Gargiulo, il decreto di apertura.
Padre Massimiliano Scarlato, 36 anni francescano della Provincia Monastica di Napoli e Caserta, succede al parroco Padre Luigi Rossi (2006/2010) e ad altri sui predecessori, tra i quali l’indimenticabile e compianto Padre Alessio Falanga, morto l’8 aprile del 2002.
Della nuova comunità francescana a Fondi, fanno parte: oltre a Padre Massimiliano, Padre Felice Pannone (superiore) e Fra Francesco Mirante (sacrista).


Numerosa la presenza dei fedeli in chiesa per l’evento; anche tre pullman di cittadini provenienti da Torre del Greco per salutare e dimostrare la loro gratitudine a Padre Massimiliano, loro sacerdote nei tre anni precedenti. A concelebrare con l’Arcivescovo di Gaeta: il Ministro dei Frati Minori di Napoli e Caserta, Padre Agostino Esposito, il vicario provinciale Padre Luigi Ortaglio, il segretario Padre Salvatore Vilardi. Una decina i concelebranti, tra cui il vicario foraniale Don Mariano Parisella. Ben cinque i diaconi che hanno assistito alla concelebrazione.
L’Arcivescovo ha consegnato a Padre Massimiliano la stola violacea (stola della salvezza che Dio manifesta nel perdono e nella misericordia) e la chiave del Tabernacolo (ove si custodisce la santa Eucaristia) “Sia essa il cuore del tuo ministero pastorale – ha sottolineato l’Arcivescovo - e ad essa conduci il popolo affidato alle tue cure”.

Dopo la lettura e la consegna della Bolla di nomina a Parroco della suddetta Parrocchia, Padre. Massimiliano Scarlato ha emesso la professione di fede e il giuramento di fedeltà, di dottrina cattolica e di obbedienza al Papa, vicario di Cristo, e all’Arcivescovo pro tempore di Gaeta, toccando i santi Vangeli e recitando le formule previste dal diritto.
La presa di possesso canonico si è svolta secondo il rituale in uso nell’Arcidiocesi di Gaeta. Dopo i riti previsti per l’ingresso del nuovo Parroco, e la celebrazione dell’Eucaristia, è stato letto e sottoscritto il verbale dell’evento che resterà agli atti dell’Arcidiocesi e della Parrocchia.
Sono stati registrati momenti di grande commozione, soprattutto tra i fedeli provenienti da Torre del Greco, che hanno salutato Padre Massimiliano issando uno striscione, sul quale c’era scritto: “127 km x dirti grazie, ma ci mancheranno i tuoi talenti”.
Il nuovo parroco tra i ringraziamenti all’Arcivescovo e ai concelebranti, ha ringraziato la comunità parrocchiale di San Francesco per “l’attenta e curata liturgia, per i canti che hanno accompagnato la celebrazione, per la meritevole accoglienza e generosa ospitalità, offerte con impeccabile impegno e volontà”.
Riparte con slancio la pastorale e la cura di oltre novemila anime della Parrocchia di san Francesco d’Assisi di Fondi, operante su un territorio composto da parte del centro città verso le frazioni delle “Querce” e “Greci”. Ad essa il Signore non farà mancare la necessaria ed indispensabile benedizione.

Gaetano Orticelli