Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |
 
 

Migliorare l'habitat fondano con lo sviluppo sostenibile

 
 

Fondi 07 marzo 2010


Migliorare l'habitat fondano con lo sviluppo sostenibile
Le strategie progettuali che possono essere applicate per diminuire i consumi energetici, miglioreranno la nostra qualità di vita


Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione di luce in energia elettrica. I dispositivi fotovoltaici trasformano l’energia solare in energia elettrica e operano senza l’ausilio di parti meccaniche e pertanto sono silenziosi e richiedono poca manutenzione.
Anche a Fondi sta sviluppando il mercato dei tetti fotovoltaici installati ogni anno su abitazioni o aziende.
Nel fotovoltaico, l’Italia è al quinto posto dopo Giappone, Germania, Usa e Australia, quindi avanti a molti altri paesi dell’Unione Europea, mentre per quando riguarda la costruzione di edilizia bioclimatica ancora molto bisogna fare per arrivare ad un risultato soddisfacente perché, tranne i pochissimi interventi per la maggior parte dei casi sovvenzionati dallo Stato o da altri finanziamenti regionali o comunitari, l’attività del costruire in Italia è ancora legate a logiche “speculative” che mal si adattano a queste nuove architetture.
Le nuove strategie, alcune volte riprese da esempi di costruzioni del passato, prevedono l’utilizzo di superfici vetrate o serre rivolte a sud per intrappolare il calore in inverno, materiali trasparenti innovativi per “selezionare” la radiazione solare ed aumentare l’uso dell’illuminazione naturale negli ambienti interni, camini solari per aumentare la ventilazione naturale, uso di pannelli fotovoltaici per produrre elettricità ed uso di pannelli solari per produrre l’acqua calda.
Oltre all’utilizzo di accorgimenti per rendere l’edificio un buon contenitore del caldo durante la stagione invernale e con una buona ventilazione naturale durante la stagione estiva, l'abitazione deve necessariamente integrarsi con l'habitat presente.