Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |
 
 

Nunzio Alfano, un quadro per il Papa Benedetto XVI

 
 

Fondi 30 novembre 2009

Nunzio Alfano, un quadro per il Papa Benedetto XVI

Mercoledì 2 dicembre 2009, il pittore fondano Nunzio Alfano, in occasione dell'udienza del Papa in Vaticano, donerà un quadro al pontefice Benedetto XVI.
“Ho sentito forte il desiderio di dipingere un quadro per il Papa – ha spiegato Alfano – non chiedetemi perché, ma ho avvertito l'esigenza di offrire alla Chiesa, il frutto del mio lavoro”.
A realizzare il sogno del pittore Alfano, si è resa subito disponibile l'Associazione Pro Loco Fondi e, in particolare Gaetano Orticelli, il quale ha attivato i giusti canali affinché il desiderio del pittore fondano si avverasse.
L'opera di Alfano, realizzata appositamente per l'occasione, diventerà patrimonio del Papa, il quale disporrà la collocazione in Vaticano.

Tommaso Delli Colli

 

“Maternità”
Olio su tela (60x80 cm)
opera realizzata dal Pittore Nunzio Alfano
per essere donata a S.S. Benedetto XVI,
all'udienza in Vaticano, mercoledì 2 dicembre 2009
(foto Vincenzo Bucci)

NUNZIO ALFANO
Nato a S. Angelo di Mercato San Severino (SA) il 18 dicembre 1942
Residente a 04022 Fondi LT, ove vive e opera da oltre 40 anni, in Via B. Gigli, 3
(foto Vincenzo Bucci)

Ha avuto i natali in un paese della Campania di non molti abitanti, con le loro tradizioni semplici e buone.
Per soddisfare l’interesse per il disegno e la pittura, Alfano lo faceva in maniera riservata.
Nel corso degli anni, sentiva crescere dentro di sé l’amore e l’istinto per l’arte. Nel 1970, Nunzio Alfano, emigra negli Stati Uniti d'America dove inizia a sentire la libertà di esprimersi nell'arte pittorica e venne investito dal sacro fuoco dell’arte, iniziando a dipingere quello che la sua ispirazione gli suggeriva.
L’anno successivo, venne chiamato da una nota galleria d’arte statunitense per partecipare ad una collettiva di artisti: i suoi quadri piacquero e vennero acquistati da diversi collezionisti.
Iniziò così a partecipare a tutti i concorsi e le mostre pittoriche. Nel 1973 Alfano torna in Italia. Continua tutt'ora a dipingere e a conciliare questo suo grande amore, non tralasciando il suo normale lavoro.

Una critica all'arte di Alfano
La “forza” di Nunzio Alfano si nota dai colori vivi che imprime nelle sue opere. Non lascia indifferenti, anzi, ti attira ad entrare nelle linee, nelle curve e nei suoi tratti caratteristici. Alfano non si improvvisa: quando dipinge trasferisce sulla tela tutte le sue passioni e l’esperienza di vita.
Nei quadri di Nunzio Alfano non mancano mai gli occhi che lui dipinge in varie parti delle opere. Sono gli occhi che guardano dal didentro il quadro stesso? Oppure, quegli occhi “osservano” il visitatore che attiva la sua attenzione sull’opera? Certo è un particolare che caratterizza l’artista e lo rende riconoscibile tra mille e mille: un’opera di Alfano non si “mischia”, è unica. (Gaetano Orticelli)