Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |
 
 

Pioggia, concerto "Pasqua Jazz" rimandato a sabato 18 aprile

 
 

Fondi 14 aprile 2009

Primavera in musica con la manifestazione “Pasqua Jazz” 2009 - ore 22, piazza San Francesco a Fondi
Pioggia. Concerto rimandato a sabato 18 aprile

Causa maltempo, il concerto in programma per le ore 21 di domenica di Pasqua, è stato rimandato alle ore 22 di sabato prossimo 18 aprile. Sempre a Fondi in piazza San Francesco.
Era tutto pronto: service audio e luci perfette, strumenti al loro posto, Claudia Marss e il gruppo ben carichi. Ma, il cielo si è annuvolato e il vento si è alzato forte. Il peggioramento delle condizioni e la pioggia che è iniziata a scrosciare, ha convinto gli organizzatori a rimandare l'atteso concerto, dedicato ai 50 anni della Bossa nova a sabato prossimo.

L' “assaggio primaverile” con la buona musica è stao solo rimandato: la sesta edizione di “Pasqua jazz” è organizzata dalla “Next” associazione di promozione sociale, in collaborazione con la Pro Loco di Fondi, sotto il patrocinio dell’Assessorato al Turismo del Comune di Fondi e della Provincia di Latina, sponsorizzato dalla Banca Popolare di Fondi.

Quindi, il pubblico delle grandi occasioni, sarà presente sabato 18 aprile prossimo, per ascoltare la voce e accogliere la splendida persona di Claudia Marss e Gruppo che ci presentano: “O Bom da Bossa” 50 anni di Bossa Nova con Claudia Marss – voce; Paolo Iurich – piano; Francesco Puglisi – basso; Marco Rovinelli – batteria.
Claudia Marss e gruppo nel Concerto “O Bom da Bossa” ci condurranno in una sorta di percorso che va dal samba più tradizionale alla bossa nova di Jobim, fino ai giorni nostri, citando alcuni tra gli autori che hanno scritto la storia della MPB (Musica Popular Brasileira), da Caymmi a Jobim, da Ivan Lins a Guinga.. Gli arrangiamenti sono di Paolo Iurich.

Bossa nova
(in portoghese "voce nuova", ma nel gergo urbano brasiliano, alla lettera, “nuovo pallino” ossia particolare fissazione) è un genere musicale, nato in Brasile alla fine degli anni '50, che trae origine dal samba, in particolare nella forma detta samba canção e, in genere, dalla tradizione musicale brasiliana. È ispirato culturalmente dalla "rive gauche" francese, dalle atmosfere minimaliste di certa musica europea e statunitense dell'epoca, ma soprattutto, dalla atmosfera di rinascita economica e nazionalista del Brasile di Juscelino Kubitschek.
Caratteristiche e storia
I padri e co-inventori della bossa nova sono comunemente considerati il compositore e musicista Antonio Carlos Jobim, il poeta Vinicius de Moraes e il cantante e chitarrista João Gilberto. I precedenti però si trovano in Dorival Caymmi e nel tipo di samba-cançao da lui elaborato e, più indietro ancora nel tempo, in alcune composizioni originali di Ernesto Nazareth. La bossa nova è un samba suonato in modo generalmente minimalista, spesso soffuso, senza particolare enfasi vocale e senza vibrato, su ritmo lento, se non lentissimo (difficilmente supera gli 80 battiti per minuto), ma con un incedere incalzante dovuto, normalmente, al caratteristico stile chitarristico attribuito, principalmente, a João Gilberto.
La "batida", così fu soprannominato lo stile tipico di Gilberto e dei suoi seguaci, è un modo particolare di usare la mano destra sulle corde della chitarra: senza arpeggio, ma alternando il pollice sui bassi al contemporaneo pizzicare le corde delle altre dita (al modo già usato dai brasiliani), spesso con il tapping della mano sinistra. La particolarità è però di natura soprattutto ritmico-armonica. Infatti l'accompagnamento è costruito a partire da una linea continua semitonale di bassi discendenti, e ciò dà la sensazione che il ritmo della chitarra sembra essere sempre in "recupero" sul tempo.
La data ufficiale di nascita della bossa nova è generalmente fatta coincidere con l'uscita, nel 1958, del disco Canção do amor demais della cantante Elizete Cardoso, su musiche di Antonio Carlos Jobim e testi di Vinicius de Moraes, che conteneva la canzone Chega de saudade nella quale suonava proprio João Gilberto.
Il successo di Chega de saudade, prima nell'interpretazione di Elizete Cardoso, ma soprattutto nella successiva versione dello stesso Gilberto, fu clamoroso. La canzone è considerata all'unanimità il primo esempio completo di stile bossa nova, soprattutto per la presenza della caratteristica "batida" che tutti in Brasile cercheranno di imitare.
La fama internazionale per la bossa nova arriva nei primi anni '60 ad opera di João Gilberto. In seguito il sassofonista jazz Stan Getz importa i ritmi brasiliani nel suo disco del 1962 Jazz Samba (con il chitarrista Charlie Byrd), poi realizza un album (Getz/Gilberto) con i principali protagonisti del nuovo genere, Antonio Carlos Jobim e João Gilberto, ottenendo in entrambi i casi un clamoroso successo commerciale.
Le canzoni lanciate da João Gilberto Desafinado, Garota de Ipanema, Saudade da Bahja, Rosa Morena, (le ultime due prese dal repertorio di Caymmi), È luxo sò (di Ary Barroso), Maria Ninguém (di Carlos Lyra) diventarono veri standard e resero la bossa nova uno dei generi più in voga negli anni sessanta influenzando tutta la musica mondiale.

Claudia Marss
All’anagrafe: Claudia Maria da Silva e Silva. Nata a Salvador di Bahia, Brasile.
Claudia Marss cantante e compositrice, conosciuta per la sua voce dutile ed espressiva, trova nella fusione della M.P.B., Musica Popolare Brasiliana, con la musica afro americana il campo fertile ideale per esprimere la sua grande forza interpretativa.
Notizie più importanti:
1986- Vincitrice del Premio Troféu Caymmi come miglior interprete emmergente.
1988- Collabora con Gilberto Gil partecipando alla sua Tournee in Brasile.
1989- Arriva in Italia e da allora partecipa a diverse rassegne tra cui:
Euritmia Jazz festival a Roma; Roma Jazz Fest; “Le Signore del Jazz” al Teatro Municipale di Sulmona; Calagonone Jazz, Sardegna; Festival della Rocca di Cesena;
JVC- Jazz Image Festival di Villa Celimontana a Roma; Roma incontra il Mondo a Villa Ada a Roma; Festival Internazionale per la Pace ad Assisi (United Artist for Peace); Jazz Time del Brass Group a Catania e Messina; Rassegna Jazz Pomodoro a Salerno.
Dal 1996 si dedica al gospel collaborando con diversi gruppi ed esibendosi in teatri e rassegne di tutt’Italia, tra cui “Gospel in the Easter Time”, Rassegna Gospel a Bibiena, ed altri, insieme al Gospel Tree del Rev. Nehemiah Brown. Attualmente collabora con il Bronzeville American Gospel di Harold Bradley.
È apparsa alla RAI TV nei programmi: Ricomincio da due, Mestiere di Vivere, Pacem in Terris con il Voices of Glory gospel group, e nel film di Carlo Verdone – “Maledetto il giorno che t’ho incontrato”, cantando uno dei temi della colonna sonora.
Collabora con Roberto Ciotti come corista, incidendo il CD “Behind the door” e partecipando
al concerto di presentazione dello stesso al Jazz Image Festival di Villa Celimontana nel agosto 2002.
Durante cinque anni collabora con il C.I.D.I.S. come mediatrice culturale nelle scuole medie ed elementari di Perugia.
Dal 2001 insegna canto, impostazione della voce, tecnica di respirazione, improvvisazione, stile ed interpretazione.
Attualmente, ha avviato un laboratorio di musica brasiliana, indirizzato a tutti i musicisti, presentandolo nelle migliori scuole di musica in tutt’Italia.
Nel ottobre 2004 viene scelta da Nicola Piovani come solista nello “Stabat Mater- La Pietà” da lui musicato su testo di Vincenzo Cerami, a fianco di Gigi Proietti, Rita Cammarano ed orchestra, rappresentato a Betlemme e Tel Aviv.
Nel luglio 2005 fa una breve tourneé col Paris@Brasil.It a Parigi,
partecipa al Festival Latino “Les Musicales du Puy-en-Velay” e nel 2006 al Festival Internazional di Jazz di Villa Celimontana.
Nel 2007 presenta il CD “PALAVRAS DE AMOR – Jobim e as Mulheres Effetto Musica Ensemble encontra Claudia Marss” presentato a Villa Celimontana a Roma, Ispani Jazz (SA), Teatro Quisisana a Capri (NA).
Marzo 2009 presenta al Teatro Municipale Lauro Rossi di Macerata il terzo CD con l’Effetto Musica Ensemble “ ORFEU NEGRO – 1959~2009- Celebraçao” in cui celebrano I 50 anni dell’uscita del film Orfeu Negro ri-elaborando I brani della célèbre colonna sonora.