Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |
 
 

Musica d'autore alla "Settimana Culturale Fondana"

 
 

Fondi 12 luglio 2008

FOLK ROAD E CHATTANOOGA,

MUSICA D’AUTORE ALLA SETTIMANA CULTURALE FONDANA

Tra gli appuntamenti musicali della Settimana Culturale Fondana si ritagliano un posto di prestigio le esibizioni di Folk Road e Chattanooga che, pur nella loro polarizzazione musicale, mirano allo stesso obiettivo: l’eccellenza nel proprio campo.

Gli uni, infatti, ripropongono musica irlandese e scozzese (ma vengono da Latina), gli altri sono un gruppo vocale partenopeo estremamente versatile. Cos’hanno in comune Folk Road e Chattanooga? Semplicemente la voglia di far musica, ma ora condivideranno anche lo stesso contesto: il centro storico di Fondi. Difatti nell’ambito della II edizione della “Settimana Culturale Fondana”, la band di Latina si esibirà mercoledì 23 Luglio nel Largo di Sant’Antonio in un concerto di musica etnica, mentre il gruppo formatosi a Napoli nell’84 avrà il proprio spazio lo stesso giorno, ma a partire dalle ore 22 presso il quartiere ebraico della Giudea.
Parlando dei Folk Road, si tratta di una band pontina che ha avuto uno straordinario successo mondiale con oltre 300 concerti e 2 cd, tanto da venire inclusi nell'enciclopedia della musica celtica edita da “hobby&work” tra i migliori 15 gruppi italiani che eseguono tale musica. Certo, si tratta di un genere particolare, che però molti hanno avuto modo di apprezzare particolarmente nel grande successo cinematografico targato Martin Scorsese: “Gangs of New York”, dove i Folk Road giocavano la parte di attori ed esecutori. Da 10 anni in attività il gruppo è formato da Marcello De Dominicis e Giovanna Manca, voci soliste, Piermario De Dominicis, chitarra e voce, Caterina Bono al violino, Vincenzo Zenobio alla fisarmonica e al clarinetto, Antonio Colaruotolo, basso elettrico e voce e Orazio Fanfani, batteria e bhodran. “Per molti anni – spiega Marcello De Dominicis – abbiamo approfondito le varie diramazioni musicali della minoranza etnica celtica, cercando di avvicinarci alle sue radici sonore, e di ricostruire così un percorso ed un'immaginaria unità di cui fossero presenti tutti i suoi influssi. Le antiche arie, le danze incandescenti, le rarefatte ballate, le storie di lotta conservano tutto il loro fascino attraverso arrangiamenti che lasciano intatti calore e poesia”.
Nel 1984 invece nascono i Chattanooga, grazie alla volontà dei chitarristi Ezio Mazzola, oggi docente di musica presso l’ITC De Libero di Fondi, e Vittorio Fiorillo, cui si aggiungono subito però Tiziana De Santis, soprano, e Rossella Cassese, solista. Si son fatti notare partecipando a numerose trasmissioni televisive, come “Quelli della notte”, “Festivalbar”, “Uno mattina”, “In Famiglia”, “Domenica In” e collaborando in tournée e registrazioni discografiche con artisti del calibro di Cocciante, Arbore, De Sio, Equipe 84, Paoli, De Piscopo, Bennato, Esposito, Bongusto, ma soprattutto Renato Carosone. A quest’ultimo sarà infatti dedicato il concerto di mercoledì 23 Luglio, dal titolo “Ma sì nato in Italy”, ultima fatica discografica della band partenopea. Gli arrangiamenti, pur conservando lo spirito originario con cui Renato Carosone li realizzò, sono estremamente moderni, con evidenti influenze non solo swing e jazz, ma anche rock. Tra l’altro il ricavato della vendita dell’album in edizione speciale sarà devoluto ai progetti che le organizzazioni di “AGIRE” stanno realizzando in Bangladesh per aiutare le popolazioni messe in ginocchio dal ciclone che il 15 novembre 2007 si è abbattuto sul paese.
Starà dunque a Folk Road e Chattanooga riscaldare e scuotere il pubblico della Settimana Culturale Fondana mercoledì 23 Luglio, quando rispettivamente Largo di Sant’Antonio e Giudea s’improvviseranno senza troppa difficoltà palcoscenici d’eccezione per la musica d’autore.

Simone di Biasio
Addetto Stampa Settimana Culturale Fondana