Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |
 
 

Fondi d’Africa, presentato il programma dell’evento

 
 

 

Nella Sala Conferenze del Castello Caetani di Fondi, Martedì 21 agosto alle ore 11.00, è stato presentato il programma del progetto Fondi d’Africa.

Nell’aprire la conferenza stampa il Sindaco Luigi Parisella ha sottolineato la motivazione che ha indotto l’amministrazione comunale ad accogliere l’idea ispiratrice dell’evento della giornalista Carmen Lasorella.

Essa è data dal filo conduttore che caratterizza l’operato dell’amministrazione comunale a guardare oltre i propri confini, ad essere consapevole dell’esistenza di parti del mondo e di continenti, nello specifico quello africano, attanagliato dai problemi della povertà, della indigenza, delle malattie, da conflitti e guerre civili.

Le sfide che tali problemi pongono, ha dichiarato il Sindaco Luigi Parisella, devono essere colte ai vari livelli, e soprattutto dall’Europa in un’azione che parta dal livello locale, per misurarsi con la realtà poliedrica di questo immenso continente che offre anche la ricchezza della sua storia, delle sue risorse ambientali e culturali.

Gli assessori Salvatore De Meo e Giulio Cesare Di Manno, hanno evidenziato l’opportunità di favorire la conoscenza delle problematiche del continente africano nelle sue specificità, svelando i tratti eccellenti di una realtà offuscata e perturbata da conflitti e miserie.
Tale evento non costituisce un ambito occasionale, ma si innesta su di una esperienza che il Comune di Fondi già da qualche anno ha con la Comunità di S. Egidio, che vede impegnati l’amministrazione comunale accanto al Mof, al Gruppo alimentare Sidis, e a molti altri concittadini che offrono gratuitamente il loro costante impegno ed aiuto a sostegno dei poveri della Capitale.

Detto progetto, ha avuto origine già dall’autunno scorso, dall’idea manifestata dalla giornalista Carmen Lasorella, che col trascorrere delle settimane è stato poi definito in tutti i diversificati aspetti che costituiscono il programma odierno.

Casuale è stata solo l’idea iniziale, ha tenuto a dichiarare la giornalista Carmen Lasorella, per poi tramutarsi in un articolato e ben definito progetto che non vuole assolutamente essere concepito per addetti ai lavori, ma stimolare l’interesse e la partecipazione più larga possibile.

Il significato ed il legame della denominazione Fondi d’Africa non presuppone alcuna ipotesi precostituita, ma nasce da una relazione naturale, giusta, che peraltro vede il Comune di Fondi già impegnato su tali tematiche, con riferimento ad una entità policroma di Afriche di cui occorre focalizzare l’attenzione su alcuni punti più significativi In particolare sul ruolo avuto dall’Italia, sull’epopea del colonialismo, sulle politiche di lungo periodo avute non solo dall’Italia ma dall’Europa, e tutto ciò ci aiuta a considerare come necessita rivedere la politica degli aiuti, delle strategie, dei ruoli, dei vari percorsi. In tal senso l’evento gode dell’apporto e del contributo prezioso di qualificati operatori, studiosi e giornalisti.

Dal tema del fondamentalismo islamico alla questione del Darfur che dal 2003 costituisce una emergenza permanente, alla mappa degli interessi legati alle rilevanti risorse energetiche e minerarie attorno a cui ruotano gli interessi strategici della Cina e degli Usa, si avranno le testimonianze dirette di operatori e giornalisti.

Il Col. Tarantini, dello stato Maggiore Difesa, che ha contribuito alla selezione dei momenti più importanti (Reportage 1992/2007) inerenti le operazioni di peacekeeping e peace-enforcing realizzate dalle Forze Armate Italiane nei paesi africani (Somalia, Togo, Ghana, Mozambico, etc,) ha sottolineato come sotto la divisa e le armi i militari hanno un cuore, una umanità e dignità mostrati in tali operazioni.

L’esposizione di tale reportage nell’ambito del progetto Fondi.d’Africa costituisce la prima occasione per presentare al pubblico i militari nelle diverse fasi operative in tali missioni.

Questa attività militare in Africa mi ha molto arricchito, ha dichiarato il Generale Battaglino, dello Stato Maggiore Difesa. Il contatto diretto con le popolazioni mi ha indotto ad apprendere, a vivere momenti di grande intensità attraverso i quali è emersa la dignità di questo continente e di chi lo abita.

La condizione delle donne africane emerge poi nella sensibilità di Sheila McKinnon, presente alla Conferenza stampa, fotografa canadese che con il suo obiettivo ha colto le realtà più desolate e drammatiche, perfino Invisibili, come recita il titolo della sua opera.

La manifestazione, ha concluso la giornalista Carmen Lasorella, sarà caratterizzata dall’arte, dalla musica, dall’enogastronomia di questo Continente, che oltre a riflettere sulle vicende storiche e divertire ha l’ambizione di scuotere l’interesse e le intelligenze.

L’evento è stato promosso e finanziato dal Comune di Fondi, dalla provincia di Latina, dall’Assessorato all’Ambiente e alla Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio.

La collaborazione e la partecipazione è stata assicurata inoltre dai seguenti enti: Istituto italiano per l’Africa e l’Oriente, lo Stato Maggiore della Difesa, Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Comunità di S. Egidio, Associazione Pro Loco-Fondi.

Fondi, 21 agosto 2007 p. la Comunicazione Istituzionale
Gianfranco Antonetti

 
 
HornetMultimedia