Home | Chi Siamo | Archivio News | Contatti | E-mail |
 
 

“CRESCERE INSIEME: CAPIRE E FARSI CAPIRE”. SCUOLA MEDIA GARIBALDI

 
 

 


“Tutte le intelligenze umane con le loro possibili combinazioni vanno riconosciute e coltivate”, questo l’assunto che sta alla base della scuola moderna: ciascuno di noi è diverso dall’altro e ciò dipende, concordando con Gardner, dal modo in cui le intelligenze si combinano in ciascuno. E’ perciò essenziale, per chi si occupa di educazione a qualsiasi titolo, conoscere i processi che regolano la crescita in età evolutiva.
I processi psicoemozionali e cognitivi in età prescolare e scolare sono complessi e significativi e i bisogni educativi che ne derivano sono molto diversi.
Molto spesso la difficoltà a inquadrare correttamente ciò che genericamente viene definito “disagio scolare” determina ritardi negli interventi, con conseguenze negative per l’armonia della crescita e l’apprendimento.
Abbiamo oggi la possibilità di implementare una scuola centrata sull’individuo, ma per farlo occorre che si instauri una positiva rete di collaborazione tra gli Enti che da punti di vista differenti sono coinvolti nel processo di crescita in età evolutiva.
Nel nostro distretto, dagli incontri di Docenti, Dirigenti scolastici e Operatori dei Servizi dell’età evolutiva, si è fatta strada l’idea che occorresse creare, con l’apporto di tutti, percorsi atti a rilevare e trattare precocemente i fattori di rischio in età evolutiva e soprattutto a coinvolgere in un progetto formativo strutturato docenti e genitori.
Il corso di formazione che ne è derivato ha avuto per tema “Prevenzione e trattamento del disagio psico-emozionale e cognitivo in età prescolare e scolare” ed ha coinvolto le due città di Terracina e Fondi, dove con cadenza settimanale la Dott.ssa Maria Valente, psicologa dirigente del TSMREE di Terracina, insieme all’educatore Romano Grossi ha incontrato circa duecento docenti, provenienti dalle scuole dell’obbligo di diversi distretti scolastici.
A Fondi, il corso è stato avviato il 27 aprile 2006 presso la sede dell’Istituto dell’Immacolata e si è concluso il 9 maggio 2007.
Il 28 maggio scorso nella sede della Scuola Secondaria di I grado “ Giuseppe Garibaldi” di Fondi la dottoressa Maria Valente e il sig Romano Grossi hanno incontrato docenti e genitori in un convegno, avente per tema “Crescere insieme: capire e farsi capire”,.
Al Convegno è stata presente la dott.ssa Giovanna Chiusano, Dirigente Struttura Complessa del Distretto sanitario Terracina-Fondi, che ha promosso l’attivazione del corso.
I Relatori hanno messo in evidenza l’importanza dei comportamenti che genitori ed educatori, in genere, devono adottare nei confronti dei bambini e come il rispetto delle regole e la presenza di modelli positivi influiscano su una crescita serena ed armonica.
Ciò ha destato l’attenzione dei presenti, in primis dei genitori che si sono sentiti chiamati in causa. Numerose sono state le domande a cui i Relatori hanno dovuto rispondere, evidenziato la rilevanza e l’interesse per il tema trattato. Il Convegno, come hanno poi dichiarato gli stessi genitori, ha rappresentato per loro un momento di importante condivisione per vivere con maggiore consapevolezza il loro ruolo. E’ stato chiesto, infatti, di organizzare con regolarità incontri di formazione anche con i genitori.
Le Scuole del territorio , in una dimensione di rete e in un processo di continuità verticale da parte dei docenti dei diversi ordini e gradi, chiedono che la proficua collaborazione interistituzionale continui anche nel prossimo anno scolastico e sia così possibile approfondire tematiche relative ai disturbi dell’attenzione e dell’iperattività e all’autismo, a sostegno della funzione genitoriale e della funzione docente.
Si esprime vivo ringraziamento a tutti gli Operatori della Asl che hanno consentito la preziosa iniziativa, svolta con grande sensibilità, competenza e professionalità dalla Dott.ssa Maria Valente insieme all’educatore Romano Grossi e si auspica che questa collaborazione, nell’ottica della prevenzione del disagio che prelude alla demotivazione, all’insuccesso e all’abbandono, possa continuare.


Il Dirigente Scolastico
Maria Civita Paparello

 
 
HornetMultimedia